Ispirazione della Parashah – Tzom Gedaliah

כֹּֽה־אָמַ֞ר יְהֹוָ֣ה צְבָא֗וֹת צ֣וֹם הָֽרְבִיעִ֡י וְצ֣וֹם הַֽחֲמִישִׁי֩ וְצ֨וֹם הַשְּׁבִיעִ֜י וְצ֣וֹם הָֽעֲשִׂירִ֗י יִֽהְיֶ֚ה לְבֵית־יְהוּדָה֙ לְשָׂשׂ֣וֹן וּלְשִׂמְחָ֔ה וּֽלְמֹֽעֲדִ֖ים טוֹבִ֑ים וְהָֽאֱמֶ֥ת וְהַשָּׁל֖וֹם אֱהָֽבוּ:

Così parla l’Eterno degli eserciti: Il digiuno del quarto, il digiuno del quinto, il digiuno del settimo e il digiuno del decimo mese diventeranno per la casa di Giuda una gioia, un gaudio, delle feste d’esultanza; purché amiate la verità e la pace.

Zaccaria 8:19

In Geremia 40-41 e in 2 Re 25, si racconta la storia di Gedaliah. Dopo la distruzione del Tempio di Salomone, il 90% del popolo Ebraico venne portato a Babilonia, ma il 10% rimase sparso lì e intorno alla Giudea e alla campagna circostante.

Nebuchadnezzar, come d’abitudine, nominò un capo generale della terra conquistata per amministrare e riportare la produttività come parte dell’Impero Babilonese. Il capo nominato da Nebuchadnezzar era Gedaliah.

Il rimanente che era sparso nella Terra e intorno alla Giudea si unì a Gedaliah. L’opportunità per cui la terra Ebraica rimanesse, anche se sarebbe stata parte dell’Impero Babilonese, era a portata di mano. Sotto Gedaliah la terra si poteva rinnovare, Gerusalemme poteva essere ricostruita e si poteva iniziare la ricostruzione del Tempio.

Ma nella terra regnavano delle gelosie a livello politico. Ishmael (Ebr. ישמעאל   Dio ascolterà) arrivò e uccise Gedaliah a Rosh HaShanah. Nebuchadnezzar raggiunse la misura e la possibilità perché il popolo Ebraico si auto governasse nella Terra svanì. Geremia e il residuo fuggirono in Egitto.

Questo evento tragico viene commemorato con un digiuno minore che è iniziato dagli Anshei Knesset HaGedolah (gli Uomini della Grande Assemblea). Il digiuno è stato dichiarato il terzo di Tishrei in contrapposizione al primo di Tishrei, in modo che non ci fosse lutto e tristezza a Rosh HaShanah. Questo digiuno è noto come quello del settimo mese o più comunemente, come digiuno di Gedaliah. E’ uno dei digiuni minori elencati in Zaccaria 8:19 ed è commemorato persino fino ad oggi. Durante i digiuni minori non è consentito mangiare e bere dall’alba al tramonto. Quest’anno il digiuno cade di lunedì, il 21 Settembre, e noi  piangiamo l’opportunità perduta, che ci siamo lasciati sfuggire a causa del sinat chinam (l’odio gratuito). Sfortunatamente, l’odio gratuito resta un problema tra di noi ancora oggi. Durante i Giorni del Timore, è nostro dovere cercare nei nostri cuori e purificarci dall’odio infondato nella memoria di Gedaliah, come meglio possiamo.

Shabbat Shalom e L’Shanah Tova.

ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ricevete il nostro insegnamento settimanale e imparate la Torah

Rabbi Steven Bernstein

Steve was born on Lag B’Omer in Ann Arbor, MI but was raised in Gainesville, FL. The son of two University of Florida professors, he excelled in the sciences in school. In addition to his normal academic studies, he pursued his Jewish education studying with many Rabbis and professors of Judaic Studies from the University including visiting Rabbis such as Abraham Joshua Heschel and Shlomo Carlebach.