Ispirazione della Parasha Tzaria Metzora

Parashat Tazria-Metzora

וַיְדַבֵּ֥ר יְהֹוָ֖ה אֶל־משֶׁ֥ה לֵּאמֹֽר: דַּבֵּ֞ר אֶל־בְּנֵ֤י יִשְׂרָאֵל֙ לֵאמֹ֔ר אִשָּׁה֙ כִּ֣י תַזְרִ֔יעַ וְיָֽלְדָ֖ה זָכָ֑ר וְטָֽמְאָה֙ שִׁבְעַ֣ת יָמִ֔ים כִּימֵ֛י נִדַּ֥ת דְּו‍ֹתָ֖הּ תִּטְמָֽא: וּבַיּ֖וֹם הַשְּׁמִינִ֑י יִמּ֖וֹל בְּשַׂ֥ר עָרְלָתֽוֹ: וּשְׁלשִׁ֥ים יוֹם֙ וּשְׁל֣שֶׁת יָמִ֔ים תֵּשֵׁ֖ב בִּדְמֵ֣י טָֽהֳרָ֑ה בְּכָל־קֹ֣דֶשׁ לֹֽא־תִגָּ֗ע וְאֶל־הַמִּקְדָּשׁ֙ לֹ֣א תָבֹ֔א עַד־מְלֹ֖את יְמֵ֥י טָהֳרָֽהּ׃

L’Eterno parlò ancora a Mosè, dicendo: ‘Parla così ai figli d’Israele: Quando una donna sarà rimasta incinta e partorirà un maschio, sarà impura sette giorni; sarà impura come nel tempo de’ suoi corsi mensuali. L’ottavo giorno si circonciderà la carne del prepuzio del bambino. Poi, ella resterà ancora trentatré giorni a purificarsi del suo sangue; non toccherà alcuna cosa santa, e non entrerà nel Santuario finché non siano compiuti i giorni della sua purificazione.

Levitico 12:1-4

שָׁל֣שׁ רְגָלִ֔ים תָּחֹ֥ג לִ֖י בַּשָּׁנָֽה: אֶת־חַ֣ג הַמַּצּוֹת֘ תִּשְׁמֹר֒ שִׁבְעַ֣ת יָמִים֩ תֹּאכַ֨ל מַצּ֜וֹת כַּֽאֲשֶׁ֣ר צִוִּיתִ֗ךָ לְמוֹעֵד֙ חֹ֣דֶשׁ הָֽאָבִ֔יב כִּי־ב֖וֹ יָצָ֣אתָ מִמִּצְרָ֑יִם וְלֹא־יֵֽרָא֥וּ פָנַ֖י רֵיקָֽם: וְחַ֤ג הַקָּצִיר֙ בִּכּוּרֵ֣י מַֽעֲשֶׂ֔יךָ אֲשֶׁ֥ר תִּזְרַ֖ע בַּשָּׂדֶ֑ה וְחַ֤ג הָֽאָסִף֙ בְּצֵ֣את הַשָּׁנָ֔ה בְּאָסְפְּךָ֥ אֶת־מַֽעֲשֶׂ֖יךָ מִן־הַשָּׂדֶֽה: שָׁל֥שׁ פְּעָמִ֖ים בַּשָּׁנָ֑ה יֵֽרָאֶה֙ כָּל־זְכ֣וּרְךָ֔ אֶל־פְּנֵ֖י הָֽאָדֹ֥ן | יְהֹוָֽה:

Tre volte all’anno sacrificherete degli animali per Me. Osserverete la festa degli Azzimi. Per sette giorni mangerete pane azzimo, come vi ho ordinato, al tempo stabilito del mese di Aviv, di primavera, perché in quel mese tu uscisti dal paese d’Egitto. Nessuno si presenterà davanti a me a mani vuote. Osserverete la festa della Mietitura, con le primizie del vostro lavoro, con quello che avrete seminato nei campi e la festa del Raccolto, alla fine dell’anno, quando avrete raccolto dai campi i frutti del vostro lavoro. Tre volte all’anno tutti gli uomini si presenteranno davanti al Signore vostro DIO.

Esodo 23:14-17

La doppia porzione di questa settimana inizia con la spiegazione di un periodo di tempo di contaminazione per una donna che dà alla luce un bambino. Durante il periodo di tempo del sangue della purezza (33 giorni per la nascita di un maschio, 66 giorni per la nascita di una femmina), una donna non può toccare nulla di sacro o entrare nel Tempio (Tabernacolo). Questa istruzione data da Hashem ai figli di Israele a prima vista può creare un machloket, un dilemma scritturale.

In Esodo 23, vediamo l’istruzione data ai figli d’Israele che devono portare sacrifici davanti al Signore tre volte all’anno. Questa istruzione è data a Israele. B’nai Israel può essere tradotto sia come i ragazzi di Israele che come i figli di Israele. Quindi, a chi è comandato di venire davanti ad Hashem tre volte l’anno? Sono tutti i ragazzi di Israele o solo i figli di Israele?

            Nella porzione di questa settimana, Tazriah, vediamo che quando una donna partorisce, le è proibito venire al santuario per un minimo di 33 giorni. Cosa succede quando una delle tre feste cade durante questo periodo di tempo del sangue di purificazione per una donna? Le viene comandato di fare qualcosa e allo stesso tempo di non fare la stessa cosa.

Esodo 23:17 chiarisce il comandamento. Israele, in questo caso, si riferisce solo ai figli di Israele, non alle figlie. Alle donne non è richiesto di andare al Tempio tre volte l’anno e fare un sacrificio. Solo gli uomini sono tenuti a fare il sacrificio. Questo risolve il machloket in quanto le donne non sono tenute a fare il sacrificio. Tre volte all’anno, se ad una donna non è permesso di entrare nel Tempio durante il suo tempo del sangue della purezza, non sta peccando.

I saggi usano questa idea come un punto istruttivo della Torah. Ogni volta che Hashem emette una mitzvà positiva e legata al tempo per B’nai Israel, il comandamento è inteso solo per gli uomini perché ci sono momenti in cui le donne non possono adempiere a una mitzvà positiva e legata al tempo, per esempio, quando una donna è nel sangue della purificazione. Pertanto, le mitzvot positive legate al tempo sono obblighi degli uomini, ma non obblighi delle donne.

Questo non significa che le donne non possono eseguire queste mitzvot. Significa che le donne non sono obbligate a compiere queste mitzvot, piuttosto sono obblighi solo degli uomini. Ci sono preghiere in sinagoga, che sono obbligatorie. Sono obblighi degli uomini, non delle donne. Perché? Perché le funzioni sinagogali sono una mitzvah positiva, legata al tempo. Devono essere eseguiti (positivi) e devono essere fatti in momenti specifici. Pertanto, le donne non sono obbligate. Anche se non sono obbligate, le donne non solo sono autorizzate a pregare i servizi sinagogali, ma sono incoraggiate a farlo. Solo che non sono obbligate a farlo. Shabbat shalom.

ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ricevete il nostro insegnamento settimanale e imparate la Torah

Rabbi Steven Bernstein

Steve was born on Lag B’Omer in Ann Arbor, MI but was raised in Gainesville, FL. The son of two University of Florida professors, he excelled in the sciences in school. In addition to his normal academic studies, he pursued his Jewish education studying with many Rabbis and professors of Judaic Studies from the University including visiting Rabbis such as Abraham Joshua Heschel and Shlomo Carlebach.