Ispirazione della Parashah – Ekev

וְהָיָ֗ה אִם־שָׁמֹ֤עַ תִּשְׁמְעוּ֙ אֶל־מִצְו‍ֹתַ֔י אֲשֶׁ֧ר אָֽנֹכִ֛י מְצַוֶּ֥ה אֶתְכֶ֖ם הַיּ֑וֹם לְאַֽהֲבָ֞ה אֶת־יְהֹוָ֤ה אֱלֹֽהֵיכֶם֙ וּלְעָבְד֔וֹ בְּכָל־לְבַבְכֶ֖ם וּבְכָל־נַפְשְׁכֶֽם:

E avverrà, se ascolterete i miei comandamenti, che vi ordino oggi di amare il Signore, il vostro Dio, e di servirlo con tutto il cuore e con tutta l’anima…

– Deuteronomio 11:13

Una parte essenziale della porzione di questa settimana non si traduce affatto bene in Inglese: “E servirlo con tutto il cuore e con tutta l’anima”. Tecnicamente, il termine qui, per servirlo, è esatto. Tuttavia, לעבדו ha un significato molto più ampio di “servire”. Avodah, che significa servizio, si riferisce anche al servizio dei Kohanim nel tempio. Questo servizio, il servizio dei sacrifici e delle offerte, è un modo fisico in cui Israele adora HaShem. Questa idea delle azioni fisiche nel culto è racchiusa in questo termine Avodah.

Ci viene ordinato, ci viene comandato di fare Avodah con tutto il nostro cuore e con tutta la nostra Nefesh (anima). Le implicazioni di questo comandamento sono vaste. Se Avodah è l’azione fisica dell’adorazione, come dimostrano i sacrifici e le offerte, cos’è Avodah del cuore e della Nefesh? Avodah della Nefesh sembra semplice, è l’azione di fare le mitzvot dei sacrifici e delle offerte. Avodah del cuore? Questo è meno chiaro.

Avodah del cuore costituisce tutti i diversi tipi di preghiera. Essere in costante comunione con Hashem, impegnarsi in bracha, tefilah, hitpalelut, sh’eilah, e Avodah stessa, costituiscono l’Avodah del cuore. In altre parole, questo passaggio della Torah è la base dell’intero concetto di preghiera e di preghiera a Hashem. La ragione per cui preghiamo, lo scopo della nostra preghiera, è questa Avodah del cuore.

Come il re Davide ci ha supplicato di pregare senza sosta, così ci sforziamo di essere in contatto e comunione costanti con Hashem. Lo facciamo attraverso tutte le diverse forme di preghiera. Il nostro rapporto con Hashem, fisico, e della Nefesh, Ruach e Neshama, è attraverso la preghiera, comandata da Hashem con queste semplici parole: “Servirlo con tutto il tuo cuore e con tutta la tua Nefesh”. Questo comandamento che recitiamo due volte al giorno, come secondo paragrafo dello Shema, è vitale per comprendere il rapporto di Israele con Hashem. Noi siamo la nazione che prega come nazione. Noi come individui siamo parte di questa nazione che prega come nazione Hashem. Preghiamo come individui e lodiamo come nazione. Ciò che facciamo è servire Hashem con tutto il nostro cuore e con tutta la nostra Nefesh.

Shabbat Shalom

ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ricevete il nostro insegnamento settimanale e imparate la Torah

Rabbi Steven Bernstein

Steve was born on Lag B’Omer in Ann Arbor, MI but was raised in Gainesville, FL. The son of two University of Florida professors, he excelled in the sciences in school. In addition to his normal academic studies, he pursued his Jewish education studying with many Rabbis and professors of Judaic Studies from the University including visiting Rabbis such as Abraham Joshua Heschel and Shlomo Carlebach.