Ispirazione della Parashah – Shabbat Parah

וַיְדַבֵּ֣ר יְהֹוָ֔ה אֶל־משֶׁ֥ה וְאֶל־אַֽהֲרֹ֖ן לֵאמֹֽר: זֹ֚את חֻקַּ֣ת הַתּוֹרָ֔ה אֲשֶׁר־צִוָּ֥ה יְהֹוָ֖ה לֵאמֹ֑ר דַּבֵּ֣ר | אֶל־בְּנֵ֣י יִשְׂרָאֵ֗ל וְיִקְח֣וּ אֵלֶ֩יךָ֩ פָרָ֨ה אֲדֻמָּ֜ה תְּמִימָ֗ה אֲשֶׁ֤ר אֵֽין־בָּהּ֙ מ֔וּם אֲשֶׁ֛ר לֹֽא־עָלָ֥ה עָלֶ֖יהָ עֹֽל:

Il Signore parlò a Mosè e ad Aronne, dicendo: “Questo è lo statuto della Torah che il Signore ha comandato, dicendo: ‘Parla ai figli d’Israele e fa’ che prendano per te una giovenca perfettamente rossa e immacolata, sulla quale non sia stato posto alcun giogo'”. Esodo 19:1-2 collegato a

Numeri 19:1-2

Questa settimana è un altro Shabbat speciale mentre ci avviciniamo a Pesach. È lo Shabbat Parah, lo Sabbath della giovenca rossa. Per secoli, i rabbini hanno discusso l’argomento: perché una giovenca rossa? Di tutti i chukim, comandamenti che Hashem non spiega, questo particolare chok è il più enigmatico. Hashem ci dice che dobbiamo usare una giovenca rossa per questo rito e non ci spiega perché, dobbiamo semplicemente usare una giovenca rossa.

La cerimonia della Parah è l’unica cerimonia più alta raffigurata nella Torah, che ci permette di rendere tahara le cose e le persone. Anche le cose più impure, se possono essere rese pure, possono essere rese pure usando le ceneri della giovenca rossa. Le ceneri create nella cerimonia vengono mescolate con acqua e poi cosparse su ciò che è impuro, o contaminato, per renderlo puro, o decontaminato. L’acqua delle ceneri della giovenca rossa può essere diluita all’infinito.

Anche se una persona è venuta a contatto con il corpo di un morto, attraverso l’uso delle ceneri della giovenca rossa, può essere decontaminata. L’area per il riposo del Mishkan, o la costruzione del Tempio, deve essere decontaminata attraverso l’uso delle acque delle ceneri della giovenca rossa. Le acque delle ceneri della giovenca rossa devono essere fatte oggi prima della ricostruzione del Tempio.

È interessante notare che le persone coinvolte nella creazione delle acque della cenere della giovenca rossa si contaminano tutte durante il processo di creazione delle acque. Coloro che creano ciò che stabilisce la pulizia rituale, diventano tutti ritualmente impuri durante il rito. Il rituale utilizza legno di cedro, issopo, e un filo scarlatto (=tola’at, colore estratto da insetto, la cui femmina, perdendo le zampe quando partorisce, muore e sembra un verme).

Una delle cose illustrate dalla cerimonia della Parah è l’idea che la contaminazione e il peccato sono due questioni completamente separate. Le persone coinvolte nella creazione delle acque della cenere della giovenca rossa non hanno peccato. Tuttavia, si contaminano. Diventare contaminati, anche se non è auspicabile, è semplicemente un evento che si verifica durante la vita. Si fanno i passi necessari per decontaminarsi perché essere contaminati non è uno stato in cui si vuole restare più del necessario. Pertanto, non c’è nulla di peccaminoso nel diventare contaminati. Quando questo accade, si fanno semplicemente i passi necessari per la decontaminazione, e si va avanti con la vita. Shabbat shalom.

ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ricevete il nostro insegnamento settimanale e imparate la Torah

Rabbi Steven Bernstein

Steve was born on Lag B’Omer in Ann Arbor, MI but was raised in Gainesville, FL. The son of two University of Florida professors, he excelled in the sciences in school. In addition to his normal academic studies, he pursued his Jewish education studying with many Rabbis and professors of Judaic Studies from the University including visiting Rabbis such as Abraham Joshua Heschel and Shlomo Carlebach.