Ispirazione della Parashah – Tzaria-Metzorah

La porzione della settimana scorsa, Shemini, si è conclusa con una discussione sull’essere separati per Hashem. La discussione ruotava intorno all’idea che alcuni animali siano cibo e altri animali non siano cibo. Le differenze sono descritte con termini molto specifici, Tumah טָמְאָה e Taharah טָהֳרָה, spesso tradotti come puri e impuri. Tumah, impuro, è il termine usato per descrivere gli animali che non sono cibo. Taharah, puro, è usato per descrivere animali che sono cibo. Nella porzione di questa settimana, vediamo Tumah e Taharah usati in modo diverso.

Nella porzione di questa settimana, vediamo che Tumah è una condizione che ha un rimedio. Il rimedio per Tumah contiene due elementi distinti: mikvah e tempo. Per superare la malattia, si deve fare una mikvah  מִקְוֶה / מקווה  e si deve aspettare un determinato periodo di tempo, di solito fino al tramonto. Vediamo che attraverso questo rimedio Tumah può trasformarsi in Taharah.

In alcuni insegnamenti, Tumah è associata al peccato. Questa porzione ci mostra che non è affatto così. Il parto termina in uno stato di Tumah. Niddah termina in uno stato di Tumah Un’emissione seminale termina in uno stato di Tumah. Nessuna di queste cose è peccato. Tuttavia, tutte queste cose implicano qualcosa che esce dal corpo. Non è affatto una questione di peccato. Piuttosto Tumah è una condizione di vita. Anche nell’adempimento di una mitzvah come “sii fecondo e moltiplica” si ottiene una condizione di Tumah. Quindi Tumah non è per via del peccato. Piuttosto, Tumah è il risultato delle naturali funzioni corporee. È semplicemente qualcosa che si verifica nella vita quotidiana, non è qualcosa di cui vergognarsi o per cui essere ridicolizzati. La condizione di Tumah accade alle persone.

Quindi, con il rimedio, Tumah può diventare Taharah. Finché Tumah non diventa Taharah non si può entrare nel Tempio. Finché Tumah non diventa Taharah si deve rimanere fuori dal campo. Questo ci insegna che Tumah non è una cosa desiderabile, ma è una cosa comune. Che cos’è? Perché il semplice rituale della mikvah e il tempo se ne liberano?

La maggior parte delle malattie e delle tribolazioni che ci sono familiari riguardano basar (בָּשָׂר carne). Tumah non lo è. Tumah è una condizione del Nefesh נפש e della Neshamah נשמה. Cioè, è una condizione spirituale. È una condizione dell’anima al di fuori del tempo e dello spazio che può essere influenzata dal tempo e dallo spazio, cioè può essere influenzata solo dall’interno del tempo e dello spazio. Se uno è Tumah, uno è Tumah nel Nefesh e nella Neshamah, per porre rimedio si utilizza il rituale della mikvah e del tempo, nel tempo e nello spazio. Questo è un meraviglioso esempio di come il nostro comportamento nel tempo e nello spazio influenza la nostra anima eterna, la nostra Neshamah. Non dedichiamo né tempo, né sforzi sufficienti a Tumah e Taharah come dovremmo. Il fatto che queste siano condizioni spirituali che sono influenzate dal nostro comportamento nel tempo e nello spazio è molto significativo. Mentre continuiamo a contare l’Omer, e facciamo uno sforzo per aumentare la nostra consapevolezza di Nefesh e Neshamah, consideriamo Tumah e Taharah. Forse è il momento di prendere una mikvah e di aspettare il tramonto

ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ricevete il nostro insegnamento settimanale e imparate la Torah

Rabbi Steven Bernstein

Rabbi Steven Bernstein

Steve was born on Lag B’Omer in Ann Arbor, MI but was raised in Gainesville, FL. The son of two University of Florida professors, he excelled in the sciences in school. In addition to his normal academic studies, he pursued his Jewish education studying with many Rabbis and professors of Judaic Studies from the University including visiting Rabbis such as Abraham Joshua Heschel and Shlomo Carlebach.