Ispirazione della Parashah – Tzav

La porzione di Torah di questa settimana, Tzav, continua con l’istruzione dei Cohanim in merito al portare i diversi tipi di offerte. La porzione culmina in Levitico capitolo 8 con il Miluim, la nomina dei Cohanim.

In Vayikra capitolo 7:11 e seguenti, si parla di un tipo specifico di sacrificio, l’offerta di “pace”, gli Shlamim. La ragione per cui questo tipo di offerta è chiamata “offerta di pace” è perché la radice della parola, Shlamim, è la stessa radice della parola shalom, pace. È anche la stessa radice, però, della parola shalem, che significa pieno o completo.

Guardando gli Shlamim, è abbastanza ovvio che il sacrificio non è legato alla pace. Infatti, è difficile capire perché il sacrificio sia chiamato Shlamim. Ci sono alcune evidenti differenze tra gli Shlamim e gli altri sacrifici. In primo luogo, gli Shlamim sono offerti in un posto diverso sull’altare rispetto agli altri sacrifici. Gli Shlamim sono offerti sul lato sud dell’altare; le Olot sono offerte sul lato nord dell’altare. Inoltre, ci sono due diversi tipi di Olot. L’offerta Tamid è una Olah che viene bruciata completamente sul fuoco dell’altare. Le altre Olot sono consumate dai Cohanim. In entrambi i casi il grasso dei reni viene tolto e arrostito separatamente sull’altare per un piacevole aroma a Hashem. Così nei due tipi di Olot, Hashem riceve la sua porzione, oppure Hashem e i Cohanim ricevono entrambi la loro porzione.

Gli Shlamim sono diversi. Per gli Shlamim il grasso del rene viene arrostito per Hashem, i Cohanim ricevono la loro porzione, e anche l’offerente riceve una porzione da mangiare. Gli Shlamim sono l’unico sacrificio di cui tutti e tre, Hashem, i Cohanim e l’offerente partecipano.

Quindi, c’è un aspetto di unità implicito nello Shlamim stesso. L’unità di Hashem, dei Cohanim e dell’offerente è necessaria nel processo dell’offerta stessa. È in questa unità che possiamo vedere il vero significato degli Shlamim. È la completezza o la pienezza dell’unità tra Hashem, la leadership e l’individuo. È solo attraverso la comprensione di questa unità che possiamo comprendere i tre diversi tipi di Shlamim.

I tre Shlamim sono il Neder, il voto (non il Nazir), il Nadav (il dono) e il Todah (il ringraziamento). Il Neder deve essere portato a completamento di un voto ad Hashem. Il Nadav è portato a compimento semplicemente come un dono caritatevole ad Hashem. L’offerta Todah è portata a compimento come ringraziamento a Hashem. In ognuno di questi casi, è importante che Hashem, il Cohen e l’offerente partecipino tutti. È solo con l’unità di tutti questi elementi che il sacrificio è valido.

Questa è una lezione particolarmente importante in questi tempi. Quando si affrontano circostanze difficili, è importante ricordare che è solo attraverso l’unità di Hashem, della leadership, e del singolo, che le offerte del nostro cuore possono essere Shalem, complete. Quindi, affrontiamo questi tempi in queste circostanze nell’unità come singoli, con la leadership e con Hashem, e che voi e i vostri rimangano sani e salvi. Amen.

ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ricevete il nostro insegnamento settimanale e imparate la Torah

Rabbi Steven Bernstein

Rabbi Steven Bernstein

Steve was born on Lag B’Omer in Ann Arbor, MI but was raised in Gainesville, FL. The son of two University of Florida professors, he excelled in the sciences in school. In addition to his normal academic studies, he pursued his Jewish education studying with many Rabbis and professors of Judaic Studies from the University including visiting Rabbis such as Abraham Joshua Heschel and Shlomo Carlebach.