Ispirazione della Parashah – Vayikra

וַיִּקְרָ֖א אֶל־משֶׁ֑ה וַיְדַבֵּ֤ר יְהֹוָה֙ אֵלָ֔יו מֵאֹ֥הֶל מוֹעֵ֖ד לֵאמֹֽר: דַּבֵּ֞ר אֶל־בְּנֵ֤י יִשְׂרָאֵל֙ וְאָֽמַרְתָּ֣ אֲלֵהֶ֔ם אָדָ֗ם כִּי־יַקְרִ֥יב מִכֶּ֛ם קָרְבָּ֖ן לַֽיהֹוָ֑ה מִן־הַבְּהֵמָ֗ה מִן־הַבָּקָר֙ וּמִן־הַצֹּ֔אן תַּקְרִ֖יבוּ אֶת־קָרְבַּנְכֶֽם: אִם־עֹלָ֤ה קָרְבָּנוֹ֙ מִן־הַבָּקָ֔ר זָכָ֥ר תָּמִ֖ים יַקְרִיבֶ֑נּוּ אֶל־פֶּ֜תַח אֹ֤הֶל מוֹעֵד֙ יַקְרִ֣יב אֹת֔וֹ לִרְצֹנ֖וֹ לִפְנֵ֥י יְהֹוָֽה:

Egli chiamò Mosè e il Signore gli parlò dalla Tenda di Convegno, dicendo: “Parla ai figli d’Israele e di’ loro: Quando un uomo di [tra] voi si accosta con un sacrificio al Signore; dagli animali, dal bestiame o dal gregge vi accosterete con il vostro sacrificio. Se il suo sacrificio è un olocausto di bestiame, un maschio senza macchia, si avvicinerà con esso. Si avvicinerà con esso volontariamente all’ingresso della Tenda di Convegno, davanti al Signore.

Levitico 1:1-3

La porzione di Torah di questa settimana inizia il libro di Vayikra, Levitico. Questo è tipicamente il primo libro della Torah insegnato ai bambini. Vayikra è anche conosciuto come Torat Kohanim, l’istruzione dei sacerdoti. Se non avete studiato molto Vayikra, questo potrebbe sembrare un po’ strano. Ma a ben guardare, questo ordine di insegnamento ha molto senso.          

Vayikra delinea il sistema sacrificale. Comprendere questo sistema è fondamentale per comprendere tutta la Scrittura. Spesso si sorvola sul sistema sacrificale, ma la sua importanza non può mai essere sottolineata abbastanza. Per Yeshua e i suoi discepoli, il sistema sacrificale era centrale nella loro relazione quotidiana con Hashem.

La parola per sacrificio, Korban, è radicata nel termine che significa avvicinarsi. Le traduzioni di solito prendono anche altri termini con la stessa radice e li traducono come portare un sacrificio.

La corretta comprensione del testo ebraico comprende il concetto dell’avvicinarsi. Cioè, attraverso l’offerta del sacrificio ci si avvicina ad Hashem. Il sacrificio stesso è un avvicinarsi. Il processo del sacrificio è un avvicinarsi. L’uomo è portato ad avvicinarsi ad Hashem attraverso il sacrificio o l’offerta. Nella Torah, non c’è altro modo di avvicinarsi ad Hashem che attraverso il sistema sacrificale.

Cantare, ballare, adorare Hashem, è tutto di vitale importanza. Ma solo attraverso il sacrificio ci avviciniamo ad Hashem. Avvicinarsi ad Hashem è intimamente connesso con il sistema sacrificale. Non possono essere separati.

Quando Nabucodonosor distrusse il Tempio, il metodo di Israele per avvicinarsi ad Hashem fu cancellato. Questa calamità fu probabilmente la catastrofe peggiore di tutta la storia umana. Se non possiamo avvicinarci ad Hashem, Hashem ci ha forse abbandonato? I profeti ci danno la risposta. No, Hashem non ci ha abbandonato, né ci abbandonerà. Quindi, senza il Tempio, come possiamo avvicinarci o commemorare l’avvicinarci ad Hashem? Questo era lo scopo dell’istituzione del servizio sinagogale. Il servizio sinagogale commemora il servizio nel Tempio dei sacrifici attraverso cui ci avviciniamo ad Hashem. Il momento dei sacrifici nei servizi sinagogali è l’Amidah. L’intera ragione del servizio sinagogale, Aravit, Shacharit, Mussaf e Mincha, è la recita dell’Amidah. Senza il Tempio, la recita dell’Amidah è quanto di più vicino si possa fare per avvicinarsi ad Hashem. Nella Torah, ci avviciniamo ad Hashem solo attraverso i sacrifici. Dato che non abbiamo un Tempio, la cosa più vicina che possiamo fare è la recitazione dell’Amidah. Questo è l’unico scopo del servizio sinagogale. Mentre studiamo Vayikra, teniamo a mente lo scopo ultimo dell’avvicinarci ad Hashem. Shabbat shalom.

ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ricevete il nostro insegnamento settimanale e imparate la Torah

Rabbi Steven Bernstein

Steve was born on Lag B’Omer in Ann Arbor, MI but was raised in Gainesville, FL. The son of two University of Florida professors, he excelled in the sciences in school. In addition to his normal academic studies, he pursued his Jewish education studying with many Rabbis and professors of Judaic Studies from the University including visiting Rabbis such as Abraham Joshua Heschel and Shlomo Carlebach.