Ispirazione della Parashat – Toldot

וַיָּ֥זֶד יַֽעֲקֹ֖ב נָזִ֑יד וַיָּבֹ֥א עֵשָׂ֛ו מִן־הַשָּׂדֶ֖ה וְה֥וּא עָיֵֽף: יֹּ֨אמֶר עֵשָׂ֜ו אֶל־יַֽעֲקֹ֗ב הַלְעִיטֵ֤נִי נָא֙ מִן־הָֽאָדֹ֤ם הָֽאָדֹם֙ הַזֶּ֔ה כִּ֥י עָיֵ֖ף אָנֹ֑כִי עַל־כֵּ֥ן קָֽרָא־שְׁמ֖וֹ אֱדֽוֹם: וַיֹּ֖אמֶר יַֽעֲקֹ֑ב מִכְרָ֥ה כַיּ֛וֹם אֶת־בְּכֹרָֽתְךָ֖ לִֽי: וַיֹּ֣אמֶר עֵשָׂ֔ו הִנֵּ֛ה אָֽנֹכִ֥י הוֹלֵ֖ךְ לָמ֑וּת וְלָֽמָּה־זֶּ֥ה לִ֖י בְּכֹרָֽה: וַיֹּ֣אמֶר יַֽעֲקֹ֗ב הִשָּׁ֤בְעָה לִּי֙ כַּיּ֔וֹם וַיִּשָּׁבַ֖ע ל֑וֹ וַיִּמְכֹּ֥ר אֶת־בְּכֹֽרָת֖וֹ לְיַֽעֲקֹֽב:

Or come Giacobbe s’era fatto cuocere una minestra, Esaù giunse dai campi, tutto stanco. Ed Esaù disse a Giacobbe: ‘Deh, dammi da mangiare un po’ di cotesta (minestra) rossa; perché sono stanco’. Per questo fu chiamato Edom. E Giacobbe gli rispose: ‘Vendimi prima di tutto la tua primogenitura’. Ed Esaù disse: ‘Ecco io sto per morire; che mi giova la primogenitura?’ E Giacobbe disse: ‘Prima, giuramelo’. Ed Esaù glielo giurò, e vendé la sua primogenitura a Giacobbe.

Genesi 25:29-33

Come in gran parte del libro della Genesi, la parsha di questa settimana contiene un momento cruciale nella storia. Esaù torna da una giornata di ricerca e caccia e incontra Giacobbe che cucina uno stufato di lenticchie, lenticchie rosse, per essere precisi.

Esaù dice a Giacobbe di “versare in me” la roba rossa, perché Esaù era stanco e affamato. Questa idea di “versare in me” è esplorata in B. Shabbat 155b. L’alimentazione forzata degli animali durante lo Shabbat è proibita. Tuttavia, “versare in loro” tutto ciò che vogliono mangiare è permesso. Giacobbe risponde con una condizione, che Esaù gli venda la sua primogenitura. È importante notare che la condizione qui è che Esaù venda a Giacobbe la sua primogenitura, la condizione non è la vendita stessa. In altre parole, non è implicito che il prezzo della primogenitura sia una ciotola di lenticchie rosse, né è implicito che se Esaù accetta di vendere a Giacobbe la sua primogenitura, Giacobbe gli darà da mangiare. Il prezzo effettivo della primogenitura non è menzionato nel testo. Il Midrash Rabbah spiega che è un prezzo giusto, più del valore di una ciotola di lenticchie.

La risposta di Esaù all’idea di vendere la sua primogenitura è che semplicemente non gli interessa. La primogenitura non è importante per lui. È un cacciatore, che si aggira su un territorio alla ricerca di selvaggina. È Giacobbe che è il contadino, è lui che valorizza un campo per coltivare il cibo. Per Esaù, la proprietà di un campo è semplicemente un ingombro. Di conseguenza, Esaù non dà valore alla terra, né alla promessa di Hashem della terra. Questo disprezzo della primogenitura è una grande differenza tra Giacobbe ed Esaù, Israele ed Edom, anche oggi. Shabbat shalom.

ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ricevete il nostro insegnamento settimanale e imparate la Torah

Rabbi Steven Bernstein

Steve was born on Lag B’Omer in Ann Arbor, MI but was raised in Gainesville, FL. The son of two University of Florida professors, he excelled in the sciences in school. In addition to his normal academic studies, he pursued his Jewish education studying with many Rabbis and professors of Judaic Studies from the University including visiting Rabbis such as Abraham Joshua Heschel and Shlomo Carlebach.