Ispirazione della Parashat – Vayera

הִנֵּה־זֶ֣ה הָיָ֔ה עֲו‍ֹ֖ן סְדֹ֣ם אֲחוֹתֵ֑ךְ גָּא֨וֹן שִׂבְעַת־לֶ֜חֶם וְשַׁלְוַ֣ת הַשְׁקֵ֗ט הָ֚יָה לָהּ֙ וְלִבְנוֹתֶ֔יהָ וְיַד־עָנִ֥י וְאֶבְי֖וֹן לֹ֥א הֶֽחֱזִֽיקָה:

Ecco, questa fu l’iniquità di Sodoma, tua sorella: lei e le sue figlie vivevano nell’orgoglio, nell’abbondanza del pane, e nell’ozio indolente; ma non sostenevano la mano dell’afflitto e del povero.

Ezechiele 16:49

La porzione di Torah di questa settimana ha diverse narrazioni importanti al suo interno. Tra queste narrazioni c’è la storia della distruzione di Sodoma e Gomorra. Secondo la Torah, il peccato di Sodoma e Gomorra fu così grande che si gridò a Hashem. Allora, qual era questo grande peccato?

La risposta a questa domanda in realtà non viene data nella stessa porzione di Torah. Tutto quello che la Torah ci dice è che il peccato fu grande. Per scoprire cosa fosse questo grande peccato, dobbiamo andare a Ezechiele 16. Lì, vediamo cosa fu effettivamente questo grande peccato.

Ci sono molti insegnamenti riguardanti supposizioni sul grande peccato di Sodoma e Gomorra. La maggior parte di questi insegnamenti riguarda la sessualità ripugnante di un tipo o di un altro. Tuttavia, vediamo in Ezechiele 16 che secondo Hashem, il grande peccato che produsse il grido a Hashem non riguardava affatto la sessualità, ma piuttosto l’orgoglio e la mancanza di una mano tesa ai poveri.

Questo è il grande peccato di Sodoma e Gomorra, non tendere una mano ai poveri. Gli insegnamenti moderni non ci indicano il vero peccato di Sodoma e Gomorra, ma la Torah sì. Lot si impegna a tendere la mano in carità e ospitalità agli estranei. Lo fa davvero, forse mettendo in pericolo la sua stessa vita. Tende la mano di carità e ospitalità agli estranei. Questa azione è la giustizia in una città ingiusta. Le conseguenze sono che lui e la sua famiglia vengono salvati. Non tutte le azioni di Lot possono essere descritte come giuste. Certamente, l’offerta delle sue figlie alla folla è discutibile nel migliore dei casi. Ma l’azione che differenzia Lot dalla città ingiusta è che Lot non ha esitato a tendere la mano allo straniero e al bisognoso. Shabbat shalom.

ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ricevete il nostro insegnamento settimanale e imparate la Torah

Rabbi Steven Bernstein

Steve was born on Lag B’Omer in Ann Arbor, MI but was raised in Gainesville, FL. The son of two University of Florida professors, he excelled in the sciences in school. In addition to his normal academic studies, he pursued his Jewish education studying with many Rabbis and professors of Judaic Studies from the University including visiting Rabbis such as Abraham Joshua Heschel and Shlomo Carlebach.