Ispirazione della Parashat – Vayetze

וַיִּפְגַּ֨ע בַּמָּק֜וֹם וַיָּ֤לֶן שָׁם֙ כִּי־בָ֣א הַשֶּׁ֔מֶשׁ וַיִּקַּח֙ מֵֽאַבְנֵ֣י הַמָּק֔וֹם וַיָּ֖שֶׂם מְרַֽאֲשֹׁתָ֑יו וַיִּשְׁכַּ֖ב בַּמָּק֥וֹם הַהֽוּא: וַיַּֽחֲלֹ֗ם וְהִנֵּ֤ה סֻלָּם֙ מֻצָּ֣ב אַ֔רְצָה וְרֹאשׁ֖וֹ מַגִּ֣יעַ הַשָּׁמָ֑יְמָה וְהִנֵּה֙ מַלְאֲכֵ֣י אֱלֹהִ֔ים עֹלִ֥ים וְיֹֽרְדִ֖ים בּֽוֹ:

Giunse ad un certo luogo e vi passò la notte, perché il sole era già tramontato. Prese una delle pietre del luogo, se la mise per capezzale e lì si coricò. Fece un sogno: una scala poggiava sulla terra, mentre la sua cima toccava il cielo; e gli angeli di Dio salivano e scendevano per la scala. 

Genesi 28:13-14

La parsha di questa settimana contiene un altro momento cruciale della storia, il sogno di Giacobbe. Giacobbe lascia Be’ersheva e procede verso Haran. Durante il viaggio, arriva al “Posto” המקום HaMakom. Questo termine, HaMakom, il posto, è uno dei nomi per Hashem. Tuttavia, il termine è anche usato per designare un luogo specifico, cioè il luogo della legatura di Isacco.

Il luogo della legatura di Isacco è il monte Moriah, quello che oggi conosciamo come Har Habait, o il Monte del Tempio. Secondo la tradizione, questo è anche il luogo del Frutteto, Gan Eden, il giardino dell’Eden. È il luogo di intersezione tra cielo e terra. È il luogo della più grande connessione dell’uomo con Hashem. È anche il luogo del sogno della scala di Giacobbe.

Non c’è nessun luogo su tutta la Terra che abbia il significato e la connessione di questo Posto. Di conseguenza, Giacobbe, arrivando al luogo, fa uno dei sogni più significativi di tutta la Torah. Sogna la connessione dei cieli e della terra e la struttura dei cieli. Il Posto è l’ubicazione del Tempio che sarà presto ricostruito. Che sia ricostruito. Presto e ai nostri giorni. Shabbat shalom.

ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Ricevete il nostro insegnamento settimanale e imparate la Torah

Rabbi Steven Bernstein

Steve was born on Lag B’Omer in Ann Arbor, MI but was raised in Gainesville, FL. The son of two University of Florida professors, he excelled in the sciences in school. In addition to his normal academic studies, he pursued his Jewish education studying with many Rabbis and professors of Judaic Studies from the University including visiting Rabbis such as Abraham Joshua Heschel and Shlomo Carlebach.